Oleolito alla violetta

La violetta sulla pelle ha un`azione emolliente, idratante, detergente ed antisettica ed aiuta a combattere acne e brufoli. Prepararne un oleolito ci aiuterà ad estrarre i suoi principi attivi e sfruttarli al meglio.

Occorrente per 500 ml di oleolito:

- fiori freschi di violetta (viola odorata, 150 gr circa)
- 500 ml di olio vegetale (io ho usato olio di oliva)
- alcool puro (facoltativo ma consigliato)
- un contenitore pulito di vetro scuro
- una garza o un filtro a maglia stretta

Metodo a caldo:

Spruzziamo le foglie di edera con alcool puro (facoltativo, ma aiuta la conservazione e previene il fenomeno dell`irrancidimento che rende inutilizzabile il nostro olio) e poniamo le foglie di edera e il bastoncino di rosmarino in un contenitore. Ricopriamole di olio e mettiamo poi sul fuoco a bagnomaria. Quando la temperatura raggiunge i 50 gradi C (usiamo un termometro da cucina per misurare la temperatura) lasciamo in infusione per l`intera nottata. A questo punto l`oleolito e` pronto per essere filtrato con una garza o con un filtro a maglia stretta, pressando bene le foglie per far si che il nostro oleolito sia ricco dei loro principi attivi. Filtriamo dunque in un bottiglino di vetro scuro ed aggiungiamo gli oli essenziali, che non solo ne aumenteranno l`efficacia ma gli doneranno anche un gradevole profumo.

Come si usa? 

Massaggiarsi usando questo olio con movimenti circolari dopo la doccia.

Consigli:

La percentuale degli oli essenziali e` dell` 1% quindi in 500 ml di oleolito useremo 5 ml di olio essenziale e su 1 l di oleolito useremo 10 ml di olio essenziale.
L`olio di oliva contiene naturalmente tocoferolo (vitamina E) che ne aiuta la conservazione. Si possono comunque usare altri oli (di mandorle, di jojoba, di avocado, di germe di grano, di ricino, di girasole, di semi, ecc). Gli oleoliti si possono anche usare come oli per ungere le candele a scopo magico.