La belladonna (Atropa belladonna): utilizzi e proprieta`

La belladonna e` una pianta molto velenosa del genere Atropa, appartenente alla famiglia delle Solanaceae (come la Mandragora ed il Giusquiamo). Il suo nome deriva dall`ultima delle tre Moire, quella anziana, chiamata appunto Atropo, che taglia il filo della vita. L`ingestione delle bacche di Belladonna causa infatti la morte, poiché contengono atropina, un tropan-alcaloide contenuto anche nello Stramonio e che arriva a causare la paralisi dopo 24-36 ore dall`assunzione. Nei casi non letali si ha una guarigione dopo qualche giorno.
In campo medico ed omeopatico e` utilizzata come spasmolitico, come antidoto per alcuni avvelenamenti (ad esempio avvelenamento da cicuta o da digitale), come midriatico e per la cura di alcuni disturbi come cefalea, delirio, asma, coliche, febbre.
In Stregoneria le fumigazioni di foglie di belladonna aiutano la veggenza, questa pianta inoltre aiuta le questioni di cuore e tiene lontano il malocchio. Viene associata al pianeta Saturno o a Marte.