Guida introduttiva alla preparazione di cosmetici

Quando si inizia ad avere maggiore conoscenza delle proprietà delle piante, possiamo incominciare a farci a casa dei prodotti semplici e naturali ma efficaci.
Per preparare cosmetici più complessi e` necessario avere alle spalle un po` di studio delle basi della chimica e della biologia in quanto si lavora con sostanze chimiche (organiche ed inorganiche) che necessitano di particolari trattamenti, che vanno dosati nel modo giusto per rispettare il nostro corpo e l`ambiente. Inoltre conoscere le proprietà di un ingrediente e sapere come agisce e` davvero importante.

Tratterò di semplicissime ricette che tutti possono fare senza incontrare particolari difficoltà, i cui ingredienti sono facilmente reperibili (burro di cacao, olio di oliva, olio di mandorle, burro di karite`, oli essenziali, bicarbonato di sodio, acido citrico, cremor tartaro, glicerina, ecc).
Prima di iniziare a preparare un cosmetico pero` e` essenziale sapere se si hanno o no intolleranze o allergie ad alcuni degli ingredienti che andremo ad utilizzare.

Per quanto riguarda le dosi degli oli essenziali, e` bene usare all`incirca le dosi da me indicate poiché se
utilizzati in eccessiva quantità possono diventare nocivi. Inoltre gli oli essenziali contengono parti non biodegradabili, e dunque e` bene usarli senza eccedere per salvaguardare l`ambiente e la nostra salute.

Trovi molte altre informazioni sul mio blog di eco-bio e cruelty free cosmesi Il Corvo Alchimista.

  • Descrizione dei semplici cosmetici che impareremo a preparare
- bombe da bagno: la loro base e` di acido citrico, bicarbonato di sodio e, opzionale, cremor tartaro. Ad esse saranno poi aggiunti altri ingredienti (coloranti alimentari o cosmetici, oli essenziali, in alcuni casi anche oli e burri vegetali e coloranti per esempio). Si tuffano nella vasca da bagno, in questo modo frizzando liberano colori ed oli essenziali utilissimi per fare un po` di aromaterapia e cromoterapia (e coccolare la pelle).

- coccole da bagno: sono oli solidi (base: burro vegetale, olio vegetale, oli essenziali, eventualmente erbe essiccate) che si fanno sciogliere nella vasca da bagno, lasciano la pelle molto morbida, nutrita e  profumata.

- fumenti: dei veri e propri elisir per la pelle, la loro base e` di acido citrico, bicarbonato di sodio ed oli essenziali che variano a seconda dell`uso del fumento (es: lavanda e tea tree per pelli impure; pino silvestre, eucalipto e menta per avere un effetto balsamico in caso di raffreddori).

- saponi: siccome non tutti sono capaci o non vogliono lavorare con la soda caustica, nelle mie ricette uso una base di sapone puro alla glicerina già pronto. Non e` chiaramente la stessa cosa di un sapone fatto in casa al 100%, tuttavia e` indicato per pelli sensibili e in ogni ricetta userò vari oli essenziali da cui trarre i benefici.

- balsami solidi: balsami ricchi in oli essenziali con una base di burro e cera vegetale da utilizzare nei punti del corpo indicati (es: balsamo alla lavanda sulle tempie contro l`emicrania).

- unguenti: come base hanno cera al 15 % circa (d`api, di soia ecc) ed olio vegetale o oleolito all`85% circa. Possono essere arricchiti con oli essenziali. Hanno funzione similare ai balsami solidi.

- profumi solidi: tutto il potere degli oli essenziali in un profumo che ci aiuta esattamente come un talismano. Possono anche essere usati per profumare le lettere, tuttavia essendo a base oleosa ungono.
Nel caso si scelga di usare cera floreale (es gelsomino e rosa) e` necessario diminuire la quantità di oli essenziali in quanto sono cere già profumate. Inoltre le cere floreali sono più morbide e dunque sara` necessario togliere 0.5 ml di olio ed usare 1.5 gr di cera anziché 1 gr.

I profumi solidi seguono generalmente questo dosaggio:

8 gr di olio di jojoba o olio di riso (non sono comedogeni, sono termoresistenti e non hanno odore)
1 gr di cera (d`api o florale)
10-20 gocce di fragranze o di oli essenziali

- oleoliti: le sostanze liposolubili di alcuni vegetali si prestano per essere estratte tramite macerazione a caldo o a freddo in olio vegetale. La proporzione degli oleoliti e` 1 di vegetale e 2 di olio. Se usiamo vegetali secchi preferiamo il metodo a freddo, se usiamo vegetali freschi e` meglio usare estrazione a caldo.
Quando vogliamo preparare un oleolito dobbiamo chiederci quali sono le sostanze che vogliamo estrarre dalla pianta, e se queste sostanze sono liposolubili. Se le sostanze non sono liposolubili ma idrosolubili (es edera) il potere dell`oleolito sara` quasi nullo.
L`uso degli oleoliti e` solamente esterno, sulla pelle umida per evitare di seccarla.
Gli oli migliori per fare oleoliti sono oli non comedogeni, inodori e resistenti all`irrancidimento: olio di riso e olio di jojoba sono i migliori perché hanno tutte queste caratteristiche.
Gli oleoliti più efficaci sono quelli di lavanda, camomilla e calendula.

- oli solidi da massaggio: l`unione di burri vegetali, oleoliti, cere e oli essenziali crea oli solidi da massaggio ovvero dei panetti che si sciolgono lentamente a contatto con la pelle umida e che ben si prestano al massaggio. Se li usiamo su pelle impura scegliamo ingredienti non comedogeni (vedi lista sotto).

- infusi: quelli a base di acqua vanno usati subito e non inseriti all`interno di preparati, in quanto si degradano in fretta. L`aggiunta di conservanti (ad es cosgard) e` inutile perché la loro degradazione e` causata da batteri. Dunque chi volesse usare infuso ad esempio di camomilla sul viso deve ricordarsi di usarlo nell`immediato. Si possono inserire nella preparazione di saponi.
  • Elenco di oli e burri comedogeni
Da evitare se si ha la pelle grassa, soprattutto sul viso e direttamente sul cuoio capelluto o comunque in zone dove abbiamo problemi di pelle grassa e brufoli. Si possono usare nelle zone del corpo dove la pelle non presenta impurità e sulla lunghezza dei capelli.

Burro di cacao
Olio di oliva
Olio di mandorle
Olio di palma
Olio di monoi
Olio di lino
Olio di germe di grano
Olio di cocco
Olio di rosa mosqueta
Olio di buriti
Olio di semi di cotone

  • Elenco di oli, cere e burri potenzialmente comedogeni 
Meglio evitarli su viso e cuoio capelluto se si ha una pelle grassa e che tende ad avere impurità. Si possono usare senza problemi dove non si hanno impurità.

Cera d`api
Burro di kokum
Burro di avocado
Olio di avocado
Olio di sesamo
Olio di soia
Olio di albicocca
Olio di mirtilli rossi
Olio di semi di zucca
Olio di baobab


  • Elenco di oli, cere e burri non comedogeni

  • Possono essere utilizzati sulla pelle grassa in quanto non sono comedogeni. 

    Burro di karite
    Cera carnauba
    Cera candelilla
    Cera di riso
    Olio di argan
    Olio babassu
    Olio di ricino
    Olio di ribes nero
    Olio di riso
    Olio di girasole
    Olio di enotera
    Olio di vinacciolo
    Olio di jojoba
    Olio di macadamia
    Olio di neem 

    Altri ingredienti non comedogeni: 

    glicerina
    aloe vera
    amido di riso
    acido ialuronico
    caolino
    lecitina
    aloe vera
    cosgard